IMMIGRAZIONE

Il settore dell’immigrazione costituisce ormai da anni un importante terreno di intervento dell’Arci Provinciale di Siena, all’interno del più generale ambito delle politiche sociali. La complessità insita nell’esperienza migratoria che, come è ovvio, coinvolge molteplici aspetti della vita dei singoli individui e della collettività, si riflette anche negli interventi a sostegno dei migranti, che vanno quindi ad investire aree diverse di attività della stessa associazione: dalla formazione alla cooperazione internazionale, dalle politiche per l’infanzia a quelle giovanili, dalle attività culturali alla promozione sociale. L’interesse e l’intervento che l’associazione porta avanti rispetto alle tematiche legate all’immigrazione si possono articolare su due livelli: da un lato l’attuazione di azioni mirate al sostegno dei cittadini stranieri presenti nel territorio, volte alla prevenzione del disagio e a favorire le pari opportunità e l’inclusione sociale attraverso progetti specifici; dall’altro la promozione e la diffusione attraverso le proprie attività di una cultura del dialogo e del rispetto, tra gli individui oltre che tra le diverse culture. La consapevolezza, oggi ormai largamente diffusa, della trasformazione in atto della nostra società in direzione multietnica e multiculturale, non implica di necessità la capacità collettiva di governare questa stessa trasformazione. L’Arci ritiene che il dialogo, il confronto e la solidarietà siano tematiche sociali su cui è ancora, e oggi più che mai, necessario investire le proprie risorse ed energie per costruire quel modello di civile e pacifica convivenza in cui crediamo e che trova fondamento nella stessa Costituzione Italiana. Per questo l’intervento dell’associazione è anche quello di promuovere, attraverso adeguati corsi, la formazione professionale degli operatori attivi nel settore. L’impegno dell’Arci nell’affrontare le politiche migratorie va anche nella direzione di operare in sinergia con le altre associazioni locali nell’ottica di realizzare interventi il più possibile esaustivi e di valorizzare le risorse e le competenze specifiche dei diversi attori sociali presenti e operanti sul territorio.

L’Arci di Siena è un’ associazione iscritta alla Seconda Sezione del Registro degli Enti e delle Associazioni che svolgono attività a favore degli immigrati in data 19/04/2006 con nr. C/151/2006/SI

Per informazioni:
tel. 0577 24 75 10
e.mail: immigrazionesiena@arci.it

Attività e progetti

– ANNO 2016

Afferrare una stella: il progetto prevede un servizio di accoglienza, accompagnamento, inserimento lavorativo ed abitativo, supporto e sostegno rivolto a soggetti sottoposti a tratta. Progetto sostenuto con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese.

-ANNI 2014/2015
Gestione del progetto “Inclusione sociale”, di titolarità della Provincia di Siena, per servizi di orientamento e inserimento lavorativo di donne straniere vittime di tratta degli esseri umani.

Gestione del completo Piano di Accoglienza di nr. 20 migranti, per conto della Prefettura di Siena, in 3 diverse strutture del territorio (fornitura di vitto e alloggio, fornitura di beni di prima necessità, attivazione di mediatori linguistico-culturali, supporto al disbrigo delle pratiche inerenti il rilascio dei permessi di soggiorno, corsi di lingua italiana, colloqui di orientamento, accompagnamento nel percorso formativo e di inserimento lavorativo).

Associazione partner del piano di accoglienza attivato all’interno del progetto S.P.R.A.R (Servizio di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati), con capofila l’Amministrazione Provinciale di Siena e soggetto attuatore l’Arci Comitato Regionale Toscano.

– ANNI 2012/2013

Attivazione del progetto “Punti di vista. Musei e intercultura in terre di Siena” in collaborazione con Fondazione Musei Senesi e con finanziamento della Regione Toscana. Il progetto mira a favorire l’integrazione degli stranieri presenti nei nostri territori attraverso la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio culturale.

• Gestione del progetto Con.trat.to, di titolarità della Regione Toscana, per servizi di supporto, sostegno e reinserimento sociale di soggetti sottoposti a tratta a scopo sessuale e/o lavorativo, in collaborazione con Comune di Siena.

– ANNI 2011/2012/2013

Dal 6 aprile 2011 al 31 maggio 2011 – Gestione del completo Piano di Accoglienza di 15 migranti tunisini, per conto della Regione Toscana, presso la struttura “Castello di Montarrenti”di Sovicille (fornitura di vitto e alloggio, fornitura di beni di prima necessità, attivazione di mediatori linguistico-culturali, supporto al disbrigo delle pratiche inerenti il rilascio dei permessi di soggiorno, corsi di lingua italiana, colloqui di orientamento, accompagnamento nel percorso formativo e di inserimento lavorativo).

Dal 5 al 22 aprile 2011 – Attivazione di mediatori linguistico-culturali e supporto alle attività di sportello e disbrigo pratiche relative al rilascio dei permessi di soggiorno, per i 30 migranti tunisini, per con conto della Regione Toscana, presso la struttura di Monticiano.

Dal 3 giugno 2011 – al 28 Febbraio 2013 – Gestione del completo Piano di Accoglienza di 8 profughi del Ciad, del Mali e del Senegal, per conto della Regione Toscana, presso la struttura “Azienda agricola Suvignano” (fornitura di vitto e alloggio, fornitura di beni di prima necessità, attivazione di mediatori linguistico-culturali, supporto al disbrigo delle pratiche inerenti il rilascio dei permessi di soggiorno per lo status di protezione internazionale, corsi di lingua italiana, informazione e tutela legale, assistenza e supporto psicologico, attività di integrazione e socializzazione, raccolta storie individuali in preparazione dell’audizione alla Commissione Territoriale).

Dicembre 2011/Gennaio 2012 – Colloqui individuali per la raccolta delle storie personali e relativa consulenza legale, in preparazione all’audizione della Commissione Territoriale, nei confronti di cittadini richiedenti asilo ospitati nella Provincia di Siena.

•  Settembre 2011 – Marzo 2013 – Coordinamento logistico del Comitato Promotore Senese della campagna “L’Italia sono anch’io” per la promozione dei diritti di cittadinanza delle persone di origine straniera che vivono in Italia. Il comitato promotore è formato da Arci, Acli, Cgil, Caritas, Libera, la Feltrinelli.

Dicembre 2011 – Organizzazione di 14 iniziative sul tema dei diritti dei cittadini migranti, con il coinvolgimento delle basi associative arci del territorio provinciale, in occasione della Giornata Globale per i Diritti dei Migranti (dicembre 2011).

• Organizzazione della presentazione di “Città Aperte – la Costituzione Italiana tradotta in 11 lingue” in varie scuole e incontri pubblici in collaborazione con Istituti Scolastici e Amministrazioni Comunali (Siena, Chiusi, Monteroni d’Arbia, Sarteano, ecc). Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

• Organizzazione dell’iniziativa “MA CHE RAZZA DI PAROLE USI? Razzismo e comunicazione quotidiana: per un uso responsabile del linguaggio” con la partecipazione di Moni Ovadia, Roberto Natale, Dario Vergassola, in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di Siena nell’ambito delle iniziative previste per il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Lunedì 12 gennaio 2009.

• Organizzazione dell’iniziativa “LA FORZA DELLE DIFFERENZE. TU DA CHE PARTE STAI?” – Siena 22 agosto 2009 – all’interno della Festa provinciale del Partito Democratico, con concerto del musicista Dabirè Gabin.

• Partecipazione a tutte le edizioni annuali del Meeting Antirazzista, che si svolge a Cecina per una settimana, organizzato da Arci Regionale Toscano e Regione Toscana

• Partecipazione al progetto IMMIGRATV, trasmissioni televisive dell’emittente TV9 rivolte ai cittadini migranti, in collaborazione con Provincia di Siena, Cgil, associazione Corte dei Miracoli

Inoltre:
Sportello sociale di orientamento e accompagnamento individualizzato: lo sportello fornisce un servizio di facilitazione e di accompagnamento rivolto ai cittadini stranieri immigrati in condizioni di disagio garantendo loro un supporto nell’accesso ai servizi del territorio.

Alina: progetto mirato alla promozione di una nuova imprenditoria femminile, rivolto a donne straniere che hanno terminato il percorso di protezione sociale ex Art. 18, finanziato da Esprit Toscana.

Quello che le donne non dicono: progettazione e gestione di un percorso formativo rivolto a donne straniere che hanno terminato il percorso di protezione sociale ex Art. 18, avente come finalità la formazione di educatrici-pari, finanziato dal Cesvot.

Corsi di lingua e cultura italiana rivolti a cittadini immigrati extracomunitari: realizzati negli anni 2005, 2006, 2007. I corsi oltre ad un modulo più consistente di insegnamento della lingua italiana, articolato sui tre livelli elementare, intermedio e avanzato, prevedono anche dei piccoli moduli volti a fornire nozioni di informatica di base, di legislazione sul soggiorno e sul lavoro, di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Laboratorio-Cultura italiana: corso di lingua italiana e di formazione professionale per cittadini stranieri immigrati addetti alla sartoria. Finanziato dall’Amministrazione Provinciale di Siena e realizzato nell’anno 2006.

Una scuola per tutti: intervento di supporto linguistico, educazione interculturale e formazione, attuato nelle scuole primarie e secondarie di primo grado della provincia di Siena nel 2003. E’ adesso in fase di svolgimento un progetto analogo dal titolo E’ la somma che fa il totale, finanziato dal Cesvot.

Corsi di lingua italiana attivati presso alcuni circoli della provincia di Siena: si tratta di corsi di lingua italiana rivolti a cittadini stranieri immigrati adulti, tenuti da personale volontario e a carattere gratuito.